GESTIONE DEL RISCHIO

INTRODUZIONE

La gestione del rischio si può suddividere nelle seguenti fasi:

  • Identificare le minacce per la sicurezza e le vulnerabilità in azienda
  • Valutare il peso di tali minacce e vulnerabilità
  • Stabilire misure di prevenzione e di protezione
  • Monitoraggio continuo e revisione dell’operato


Nessun aspetto viene tralasciato.

Perché è importante?
I vantaggi sono molteplici:

  • Protezione del patrimonio aziendale
  • Permette di prendere decisioni più informate e consapevoli
  • Tutela e miglioramento della reputazione, potendo dimostrare che l’azienda è affidabile e ben gestita sotto questo aspetto ormai fondamentale


La consapevolezza al rischio fa la differenza.

CONSAPEVOLEZZA

Tecnologia.
Governance.
Consapevolezza.

Sono queste le tre colonne portanti nella gestione del rischio aziendale e partiamo proprio dalla consapevolezza, quella spesso più trascurata a favore degli strumenti, delle tecnologie e dei processi come uniche soluzioni contro le minacce informatiche.

Cosa vuol dire consapevolezza?

Vuol dire che le persone si collocano al centro.
Sono le persone che prendono decisioni, che interagiscono con colleghi e terzi, che compiono azioni e mettono in atto comportamenti che possono influenzare profondamente il lavoro.
Sono le persone che decidono anche se cliccare o meno su quel link fraudolento appena ricevuto via e-mail determinando, alcune volte, il futuro stesso dell’organizzazione.

Lo scriviamo spesso: è fondamentale creare consapevolezza al rischio.
Come farlo?
Con la formazione.

Se ben strutturata, la formazione diventa un importante ed efficace strumento di prevenzione e di difesa, aumentando la resilienza alle minacce informatiche e permettendo, nell’eventualità, di reagire in caso di attacco, fenomeno sempre più in crescita.

Sono le persone che, con i giusti mezzi, abbracciano il cambiamento e sono in grado di creare una solida cultura aziendale che perduri nel tempo e tuteli l’azienda.

TECNOLOGIA

È importante comprendere la situazione attuale della propria azienda, l’attuale “fotografia” che racconta quale sia il punto di partenza per evidenziare le vulnerabilità presenti, poter proteggere al meglio il perimetro e poter stabilire un piano di prevenzione e di monitoraggio continuo, mitigando i rischi di attacchi informatici. 

Ad oggi, la tecnologia è uno degli elementi fondamentali per il successo delle aziende.

Tecnologia. Governance. Consapevolezza.
Questi tre concetti di sostengo mutuamente e avanzano insieme. 

Anche con la tecnologia, è necessario coinvolgere le persone, formandole e sensibilizzandole sui rischi tecnologici e su come gestirli correttamente.

Com’è messa la tua azienda ad oggi?
La consapevolezza al rischio fa la differenza, soprattutto in questo presente (e futuro) prettamente digitale.

GOVERNANCE

“La Governance aziendale è l’insieme di principi, meccanismi, regole e relazioni che disciplinano il modo in cui un’azienda viene gestita e diretta.”

Obiettivi principali:

  • Salvaguardia dei dati e degli asset aziendali da minacce interne ed esterne
  • Trasparenza con tutte le parti coinvolte 
  • Definizione dei ruoli e delle responsabilità per tutti i soggetti coinvolti nella gestione aziendale
  • Efficienza
  • Equità

 

Ciò include la definizione, implementazione e controllo dell’attività dell’organizzazione nel suo complesso (come la governance organizzativa o aziendale,) o di una parte specifica di essa (come la governance IT, la governance finanziaria o la governance della sicurezza delle informazioni). 

Una Governance adeguata garantisce che le strategie scelte siano allineate con l’ambiente aziendale, sia a livello normativo, sia a livello operativo.

Inoltre, è importante ricordare che la Governance aziendale è un processo in continua evoluzione che deve essere adattato alle specificità di ogni singola azienda.

La cultura del rischio porta alla Governance.
La consapevolezza al rischio fa la differenza.